Bianco e nero

Una fotografia è un attimo, un istante rubato al tempo, ti rende padrone di quello che nessun uomo può avere per sempre: quel momento di vita tuo o di un altro.

Sorriso magnetico, quello che esplodeva dopo un silenzio serio, dopo una discussione o dopo una carezza. Quella foto gliel’aveva rubata, uno scatto fatto per caso, ricordava solo che gli era sembrata perfetta e da bloccare così. Tommaso aveva preso dalla tasca il suo iphone e  un clik era bastato per farla sua.

Non pensava che sarebbe stata l’unica cosa che gli sarebbe rimasta di lei. Marta era spontaneità e verità. Lui era mille maschere e instabilità. Figure del mondo opposte e complementari.

Tommaso stringeva la foto tra e mani, aveva persino avuto la brillante idea di stamparla… così ora se la ritrovava in giro tra le sue cose, sulla sua scrivania, sul comodino, accanto ai biscotti sul tavolo in cucina, era una odiosa e amata mania.

Erano tre notti che non dormiva, aveva preferito buttare quelle pastiglie nel water. Aveva avuto una serrata discussione con il suo capo e poi anche con suo padre. Si sentiva come una mina vagante, chiunque si avvicinava alla sua scia finiva per essere travolto dalla sua foga, da una rabbia in grado di esplodere senza un motivo. Accecamento contro il mondo e contro tutti. Dolore placato, tenuto a freno sotto strati e strati di anima illusa in un sorriso falso. Il motivo non lo aveva mai capito, o forse sì, colpa di quello o di quell’altro, delusioni amorose, fregature da un amico o difficoltà a lavoro. Oppure era lui, non poteva essere sempre colpa di qualcun altro e allora aveva iniziato un viaggio dentro se stesso e Dio sa quanto sia spaventoso e sorprendente quello che si può trovare nella propria anima. Nella sua c’era solo buio, ossessioni per oggetti e persone, per colori e comportamenti.

Tommaso viveva in un attico in centro, desiderava essere in mezzo al movimento della città e contemporaneamente isolato da tutto, ogni cosa rifletteva uno stato di silenzio, piattezza e doppiezza come il bianco e il nero dei mobili, delle piastrelle del bagno e di ogni angolo. Bianco e nero. Luce e buio. Presenza e assenza, a se stesso e agli altri.

E poi c’erano i colori, quelli che la realtà fuori mescola a caso, dona e ruba, in un vortice di presenze, vissuti e persone, ognuna con il suo mondo eppure tutte insieme apparentemente senza paure. Come Marta. Lei non si fermava davanti a nessuno, con un’innata disponibilità all’ascolto e alla scoperta di chiunque. Anche di lui, dei suoi difetti, delle sue ossessioni, del suo male.

Regina gli faceva visita ogni sera, era avvolta in piume nere e appariva da dietro le tende a scacchi della finestra della sua stanza. Lui la odiava perché era la materializzazione del male, un’allucinazione di cui non riusciva a liverarsi e a nulla era valso vuotare tutte le bottiglie accumulate nel lavandino. Regina tornava sempre e tornava ancor più da quando non c’era Marta.

Tommaso aveva lasciato proprio Marta fuori dal portone l’ultima volta che era venuta, abitava due piani sotto di lui, aveva sentito dei rumori. Ma non erano cose che la riguardavano, Tommaso non la considerava parte di quell’irreale in cui viveva.

UomoSolo

 

Regina lo aveva sedotto, aveva due ali enormi e lo aveva racchiuso in un abbraccio per farlo suo. Il piacere vissuto con Regina era un turbine di vuoti e sensazioni assurde, macchie squillanti e luci offuscate, lui ne era solo ottenebrato senza capirci nulla. Regina era un demone. Il suo demone preferito, pronta a far riemergere ogni volta il nero del suo cuore.

Il vento che si portava dietro aveva messo a soqquadro ogni stanza, la corrente era saltata, i vetri erano andati in frantumi. Non era riuscito  a fermarla, non aveva voluto abbastanza, forse.

E nel frattempo Marta bussava alla porta, urlava il nome di Tommaso. Ci si era anche buttata addosso con tutta la forza credendo di gettarla giù. Poi, era riuscita a distinguere la voce di lui, che la incitava ad andar via. La maledì urlando e lei stremata sentì dividersi in due all’altezza dello stomaco, mentre la lama invisibile continuava a incidere il suo corpo. Avrebbe voluto scappare, scendere le scale ma non ce la faceva. Rimase lì, seduta per terra. Immobile.

E mentre Regina si fermò, placando la sua furia, rimpicciolendosi a forma di donna e con le ali rientranti nella schiena tatuata, Tommaso se ne stava appoggiato alla parete bianca, la guardava nella sua metamorfosi. Gli passò nella mente un flash e ricordò il rumore della sua voce mentre aggrediva Marta al di là del portone. Cosa aveva fatto? Davvero tenerla lontano dal suo male era l’unica cosa che sapeva fare?

Regina stava raccogliendo da terra la foto di Marta.

“Lasciala stare!”

Lo guardò sorpresa. I suoi occhi grigi dimostravano che non avrebbe capito: “Cosa?”

“Ti ho detto lasciala.” Anche Tommaso aveva uno sguardo diabolico.

Regina l’accartocciò in una mano e l’incenerì. A quel punto Tommaso le si avventò contro, lottarono corpo a corpo, finché sotto la forza inumana di lei, cominciò a chiamare aiuto. Per la prima volta nella sua vita. E mentre chiamava Marta, afferrò quell’inutile vaso di vetro che sua madre aveva portato qualche giorno prima e lo lanciò addosso a Regina, colpendola sul volto. Il sangue iniziò a scenderea a rivoli sottili sulla pelle che assumeva un colore violaceo. Tommaso restò immobile.

Lei si portò le mani al volto: “Cosa hai fatto?!”

“Voglio liberarmi di te.”

“Credi sarai libero ora?”

“Sarò pieno del male ancora, ma anche di altro. Di tutto il resto che ho dentro. Sì, questa è libertà.”

Regina aveva un aspetto come se stesse invecchiando, barcollava mentre si avvicinava alla finestra. Si gettò, in un volo senza ali.

Tommaso fu destato dalla voce di Marta. Si guardò in torno, tutto era in mille pezzi ma non avrebbe avuto più timore di mostrarglielo e fece i primi passi verso la porta.

Mostre sotto l’albero

Manca ormai un mese a Natale, il periodo delle feste concilia spostamenti e tempo libero da dedicare a ciò che piace condividendolo con chi amiamo. Tra gli avvenimenti culturali vorrei segnalarvi alcune mostre aperte proprio in questi mesi.                                                         A Torino è possibile immergersi nelle più belle opere dell’impressionismo realizzate da Degas. “Classe di danza,” “L’etoile,” “La tinozza,” “Le stiratrici” e tanti altri dipinti catturano l’attenzione e affascinano grazie a particolari  colori, sfumature e la soggettività della realtà che caratterizzano questo movimento artistico sviluppatosi alla fine dell’800. La donna, che allora stava acquistando maggiore valore nella società, è tra i soggetti preferiti dall’autore, non mancano i paesaggi e gli ambienti familiari.                                

(Presso la Palazzina della Società Promotrice delle Belle Arti fino al 27 gennaio 2012, http://mostradegas.it/)

Venezia dedica una mostra a Giuseppe Capograssi, uno dei più importanti artisti del secondo dopoguerra. Oltre sessanta opere, tra dipinti e lavori su carta, provenienti da importanti musei e collezioni private ripercorrono l’evoluzione artistica di Capograssi dagli esordi degli anni ’30 fino agli anni ’50-’60, tutte contraddistinte da quell’innovativo “alfabeto” che è il tratto distintivo della sua creatività, strettamente legata alla ricerca sull’importanza del segno. (Presso la Collection Peggy Guggenheim fino al 10 febbraio 2013, http://www.guggenheim-venice.it/default.html)

Ferrara riunisce circa ottanta tra dipinti, sculture e opere su carta di  Giovanni Boldini,uno dei più grandi artisti della città e di Previati e De Pisis che hanno arricchito il patrimonio culturale nel corso del Novecento. Temi letterario religiosi, ritratti celebri come “Ritratto del piccolo Subercaseaux”, “La signora in rosa” si confrontano con nature morte, vedute parigine, ricreando un eccellente incontro tra arte italiana ed internazionale. La mostra è allestita a Palazzo dei Diamanti, uno dei luoghi d’arte più importanti del nostro Paese, un motivo in più per passare in questa città che, dopo il terremoto sta dando segnali di ripresa proprio attraverso l’arte.           (Palazzo dei Diamanti fino al 13 gennaio 2012, http://www.palazzodiamanti.it/)

Anche la fotografia ha il suo spazio, davvero speciale se parliamo di Robert Doisneau, il più illustre rappresentante della fotografia “umanista” in Francia e conosciuto in tutto il mondo. A Roma, scatti in bianco e nero, sincerità, umorismo, donne, uomini, bambini, innamorati e animali colti in momenti di vita, in attimi che esprimono il loro modo di vivere Parigi.                                                                                                              “Quello che cercavo di mostrare era un mondo dove mi sarei sentito bene, dove le persone sarebbero state gentili, dove avrei la tenerezza che speravo di ricevere.”

Questo era l’intento di Doisneau, la sua ricerca e ciò che provava nel mondo che catturava con i suoi scatti e sono sicura che chi visiterà la mostra si sentirà bene, sfiorerà la  tenerezza.                                                                                                                                   

(Al Palazzo delle Esposizioni fino al 3 febbraio 2013, http://www.palazzoesposizioni.it/categorie/mostra-023)

Altre foto sono raccolte in una mostra a Caserta, quelle di Henri Cartier Bresson, pioniere del foto-giornalismo, detto “occhio del secolo.”

Avvenimenti semplici, rappresentati in modo attento e con la stessa profondità di quelli più importanti.          Le fotografie sono inoltre, accompagnate dai didascalie di scrittori, critici, amici del fotografo. (Presso la Reggia di Caserta fino al 14 gennaio 2013)

Nell’attesa di poter presto scrivervi in un post della mia personale esperienza ad una di queste mostre, spero cogliate anche voi l’occasione e poi sono allestite in città ancor più affascinanti e da scoprire in questo periodo. Ah, un consiglio: un bel biglietto per una mostra potrebbe essere anche un regalo non banale. Approfittiamone! E fatemi sapere 😉